Difference between revisions of "Gallo report vote campaign Italiano"

From La Quadrature du Net
Jump to navigationJump to search
(Il rapporto Gallo)
Line 39: Line 39:
 
* '''chiede nuovi mezzi “non legislativi”''' per combattere la condivisione di files. Tale mezzi “non legislativi” o “accordi volontari” sono stati anche descritti in una comunicazione della Commissione Europea sul “rispetto dei diritti alla proprietà intellettuale” (datata 11 settembre 2009). Sono delle “sanzioni contrattuali contro le persone che condividono dei file non-commerciali e possono essere decise tra i proprietari dei diritti e gli operatori: restrizioni di accesso, filtraggio mirato, riduzione della banda passante, etc. E' letteralmente una '''porta aperta alla polizia e alla giustizia privata del copyright.'''
 
* '''chiede nuovi mezzi “non legislativi”''' per combattere la condivisione di files. Tale mezzi “non legislativi” o “accordi volontari” sono stati anche descritti in una comunicazione della Commissione Europea sul “rispetto dei diritti alla proprietà intellettuale” (datata 11 settembre 2009). Sono delle “sanzioni contrattuali contro le persone che condividono dei file non-commerciali e possono essere decise tra i proprietari dei diritti e gli operatori: restrizioni di accesso, filtraggio mirato, riduzione della banda passante, etc. E' letteralmente una '''porta aperta alla polizia e alla giustizia privata del copyright.'''
  
L'autrice del rapporto, [[Marielle Gallo|Marielle Gallo]], si è assicurata che ogni emendamento che distingue tra le violazioni a scopo di lucro e quelle non a scopo di lucro venisse respinto durante il voto del comitato JURI.
+
L'autrice del rapporto, [[MarielleGallo|Marielle Gallo]], si è assicurata che ogni emendamento che distingue tra le violazioni a scopo di lucro e quelle non a scopo di lucro venisse respinto durante il voto del comitato JURI.
  
 
=== La proposta di S&D+Verdi+Altri alternativa al rapporto Gallo ===
 
=== La proposta di S&D+Verdi+Altri alternativa al rapporto Gallo ===

Revision as of 13:33, 25 November 2010



☢ ALLARME ROSSO! ☢


Prendetevi 5 minuti per lottare contro l'applicazione dogmatica del copyright in Europa contattando gli eurodeputati a Bruxelles venerdi 17 settembre, e a Strasburgo da lunedi 20 a mercoledi 22 settembre.


BASTA con una visione dogmatica del file sharing!

NO a sempre più sorveglianza!

NO alla Polizia Privata del Copyright in Europa!

Deutsch English Español Italiano Français


Cosa?

Riassunto veloce

Se adottato dal Parlamento europeo, il rapporto Gallo porterà le future politiche Europee in materia di copyright in una direzione repressiva e dogmatica, rafforzando per esempio la repressione della condivisione di files senza scopo di lucro. Una risoluzione alternativa è stata depositata dal gruppo ALDE, ma è basata sulle stesse cifra errate e contiene le stesse inesattezze; questa risoluzione alternativa è quasi pessima quanto l'originale.

Di fronte a tali testi, esiste una risoluzione alternativa depositata da S&D, Verdi e da altri eurodeputati che propongono un approccio equilibrato, rafforzando il dispositivo di lotta contro la contraffazione di beni materiali, e chiedendo una riflessione più approfondita sull'impatto della condivisione dei files.

Potete agire ora per aiutare i Parlamentari europei a capire l'importanza di questi argomenti, ed incitarli a sostenere la risoluzione alternativa piuttosto che il rapporto Gallo.


Il rapporto Gallo

Il rapporto Gallo è un rapporto di iniziativa (testo non legislativo) la cui relatrice è la deputata europea PPE (sarkozysta) francese Marielle Gallo «sull' applicazione dei diritti della proprietà intellettuale (DPI) nel mercato interno ». E' stato adottato in commissione JURI (commissione degli affari giuridici) e sarà votato in plenaria il 22 settembre.

Il rapporto Gallo

  • mischia e confonde una nozione incerta di “infrazioni on line della proprietà intellettuale” (comprese quelle non commerciali) e la contraffazione di beni fisici (che rappresentano una reale minaccia alla salute ed alla sicurezza dei consumatori);
  • chiede più repressione in nome di una visione dogmatica basata su un terribile presunto danno causato dalla condivisione dei files, mentre la Corte dei Conti degli Stati Uniti ha concluso recentemente che le cifre dell'industria sono gonfiate e che si deve considerare l'impatto positivo della condivisione dei files. Numerosi studi provano che il danno è minimo o inesistente. Il rapporto Gallo chiede una nuova direttiva di repressione penale (IPRED2) mentre nessun valutazione di impatto della direttiva di repressione precedente (IPRED) è stata effettuata fino ad ora.
  • chiede nuovi mezzi “non legislativi” per combattere la condivisione di files. Tale mezzi “non legislativi” o “accordi volontari” sono stati anche descritti in una comunicazione della Commissione Europea sul “rispetto dei diritti alla proprietà intellettuale” (datata 11 settembre 2009). Sono delle “sanzioni contrattuali contro le persone che condividono dei file non-commerciali e possono essere decise tra i proprietari dei diritti e gli operatori: restrizioni di accesso, filtraggio mirato, riduzione della banda passante, etc. E' letteralmente una porta aperta alla polizia e alla giustizia privata del copyright.

L'autrice del rapporto, Marielle Gallo, si è assicurata che ogni emendamento che distingue tra le violazioni a scopo di lucro e quelle non a scopo di lucro venisse respinto durante il voto del comitato JURI.

La proposta di S&D+Verdi+Altri alternativa al rapporto Gallo

Una rapporto alternativo è stato elaborato dal gruppo S&D. Include numerosi emendamenti che erano stati respinti secondo la volontà dell'autrice del rapporto Gallo durante il voto in commissione JURI. Gli emendamenti all'epoca depositati dai comitati IMCO (consumatori) e ITRE (industria) erano stati respinti.

La proposta alternativa :

  • è molto più severa del rapporto iniziale nel combattere la contraffazione di beni fisici
  • è molto più efficace nel proteggere i consumatori dai prodotti contraffatti pericolosi
  • condanna le infrazioni on line a scopo di lucro ma qui si ferma
  • è globalmente molto più consensuale e meno pericolosa del rapporto Gallo iniziale

(la proposta alternativa sarà presentata lunedi)

La proposta alternativa DEVE essere votata al posto del rapporto Gallo originale e della risoluzione ALDE!


La risoluzione ALDE deleteria quasi quanto il rapporto Gallo

Il gruppo ALDE (centro) ha depositato un'alternativa molto aggressiva che riprende la maggior parte delle peggiori disposizioni del rapporto Gallo. Chiede anche una maggior repressione, insistendo sul fatto che dovrebbero essere adottate misure “non legislative”, affinché i fornitori di accessi ad Internet possano aiutare i lobbisti del copyright nella guerra contro la condivisione di files. Queste misure aggirerebbero il potere giudiziario e soffocherebbero i diritti fondamentali. La risoluzione ALDE propone anche un approccio dell'applicazione dei DPI che si ostina ad amalgamare le infrazioni a scopo commerciale con le infrazioni senza scopo commerciale. La differenza è importante perché i due tipi di infrazioni hanno degli effetti differenti sulla società e non dovrebbero essere riconosciute come tali dai decisori.

Giudicate voi stessi:

Vedete voi :

  • La risoluzione Alde dice che “le misure non legislative addizionali sono utili per migliorare l'applicazione dei DPI”, il che potrebbe portare a delle collaborazioni contrattuali tra i provider Internet e i detentori dei diritti per imporre il copyright mediante filtraggio, “risposta graduata”, acquisizione dati abusiva del materiale, senza la supervisione della magistratura.
  • Dice anche che le “infrazioni ai Diritti di Proprietà Intellettuale (DPI) su Internet hanno raggiunto delle proporzioni inquietanti", mentre molte ricerche indipendenti recenti mostrano che la condivisione di files ha degli effetti positivi sull'economia.
  • Tralascia il fatto che delle nuove eccezioni ai diritti d'autore per la condivisione di files priva di scopo di lucro sarebbero totalmente coerenti con i trattati dell'OMPI (WIPO).
  • “Si appella alla Commissione affinché venga presentata urgentemente prima della fine del 2010 una strategia completa sui DPI”, pur ammettendo che nessun valutazione della direttiva sull'applicazione dei DPI del 2004 è stata fatta fino ad ora.
  • “Respinge ogni richiesta indirizzata alla Commissione di considerare delle proposte di sistema come i 'contributi creativi' “. Rinunciare in anticipo di discutere delle proposte alternative assomiglia molto a oscurantismo.
  • Non teme le campagne di comunicazione destinate ad educare la gente sui valori dei diritti d'autore e l'impatto delle infrazioni ai DPI [on line] e della contraffazione sull'impiego e la crescita”. Preconizza “dei messaggi educativi ed avvertimenti brevi, visivi e pertinenti”.
  • Appoggia “la continuazione ed il miglioramento d'iniziative di cooperazione bilaterale per la Commissione”, mentre omette di menzionare l'importanza mondiale dei forum nelle prese di decisioni politiche per quel che riguarda la proprietà intellettuale. La ragione è semplice: gli accordi bilaterali permettono all'UE (o agli USA) d'imporre delle rigide disposizioni a proposito della proprietà intellettuale sui paesi in via di sviluppo. Ecco ancora un esempio dell' approccio squilibrato dei DPI in questa risoluzione molto inquietante.
  • La risoluzione ALDE, come la proposta Gallo, presenta gravi difetti che le rendono allo stesso tempo pericolose ed inappropriate.

Quando?

Il voto è fissato per la sessione delle 12.00 di mercoledì 22 settembre.

Chi?

Tutti i Membri del Parlamento Europeo (MEPs) devono essere contattati. I MEP sono sottoposti ad una pressione estremamente pesante dalle lobby dell'industria dell'intrattenimento e degli editori.

In particolare gli sforzi si dovrebbero concentrare su:

  • I membri ALDE (liberali). Sono la chiave di un voto molto diviso tra due gruppi maggioritari. Nel JURI, sotto l'influenza del loro membro Toine Manders, hanno aiutato l'autrice del rapporto Gallo a farlo adottare e a respingere tutti gli emendamenti in accordo alla sua volontà.
  • I membri del PPE (conservatori). Possono essere difficili da convincere, perché l'autrice del rapporto Gallo è del loro gruppo politico e perché hanno storicamente una posizione più repressiva. Però, durante la legislatura precedente, sono stati numerosi a votare, con l'88% del Parlamento Europeo, l'emendamento del Pacchetto Telecom (che stabilisce che le restrizioni ai diritti fondamentali possono essere ordinate solo dall'autorità giudiziari), cosa che va contro la nozione di “mezzi extragiudiziari” per combattere la condivisione di file. Per di più i membri EPP di Spagna, Pologna e Svezia possono essere più facili da convincere. Gli ultra-liberali potrebbero essere convinti che la condivisione di files è al peggio soltanto un problema economico e che la legislazione europea non deve intervenire per aiutare un' industria ad innovare, e/o che, siccome la maggior parte di queste industrie si trovano negli USA, non è compito della legislazione europea aiutarle.
  • I membri S&D (socialisti) di Spagna e d'Italia, sotto la forte influenza dei lobby di produttori, editori e autori, possono avere delle difficoltà a sostenere la proposta alternativa.

Come?

Scrivete e telefonate agli europarlamentari

Usate questo link per trovare le informazioni di contatto degli eurodeputati.

  • Gli eurodeputati ricevono centinaia di e-mail ogni giorno: spedire una e-mail – anche se è importante – non è sufficiente per convincerli
  • Una telefonata ha molto più impatto. Nella maggior parte dei casi, parlerete con gli assistenti che sono delle persone giovani ed intelligenti.
  • Il miglior metodo è di mandare una e-mail, poi chiamare. Potete cominciare chiedendo ”(Buongiorno, mi chiamo XV e abito a Z) Vi ho appena mandato un'e-mail, l'avete letta? No? Mi consenta di parlargliene...”.
  • Rimanete sempre educati. Il vostro interlocutore lavora sotto notevole pressione. Ha probabilmente poche informazioni su quel che è in gioco con il rapporto Gallo, ma ha delle buone capacità di comprensione.
  • Siate concisi – la telefonata non può durare più di uno o due minuti, forse qualche secondo, ed accertatevi di citare i documenti e riferimenti pertinenti.
  • Fate sempre seguire la vostra telefonata da un'e-mail (per spedire i documenti o i riferimenti discussi al telefono, per rispondere ad una domanda alla quale non avete risposto, per approfondire) .

Argomenti

Ecco alcuni argomenti che potete menzionare quando comunicherete con gli eurodeputati ed i loro assistenti

  • Il rapporto Gallo originale, come è votato nel JURI, manca della distinzione fondamentale tra le violazioni commerciali della proprietà intellettuale che mettono in pericolo i consumatori (contraffazione) e le infrazioni che non danno luogo a profitto, quale la condivisione di files. Di conseguenza il rapporto finale potrebbe rafforzare delle politiche di repressione sproporzionate e pericolose il cui impatto non è stato valutato.
  • Il rapporto Gallo originale richiede una polizia privata del copyright che operi al di fuori del controllo della magistratura, a seguito di accuse dei possessori dei diritti e con la collaborazione dei fornitori di accesso ad Internet. Questi schemi comparabili alle politiche di “risposta graduata” (legge Hadopi francese, Digital Economy Bill inglese) sono stati fino ad ora dei fallimenti politici e tecnici, e negano i diritti fondamentali (diritto ad un processo equo, libertà di espressione).
  • La repressione crescente che abbiamo visto svilupparsi durante gli ultimi quindici anni non ha beneficiato gli artisti; gli utilizzatori di Internet sono segnalati dai detentori dei diritti e trattati come dei criminali pericolosi, con progetti liberticidi quali la risposta graduata o il filtraggio di Internet: questa tendenza indebolisce considerevolmente la protezione delle libertà fondamentali come la libertà di espressione, la vita privata e il diritto ad un processo equo.
  • Non c'è consenso sul fatto che la condivisione di files sia nociva per la creazione artistica in Europa. Il Government Accountability Office (ufficio di auditing) del governo americano ha recentemente pubblicato uno studio che indica che tutti gli studi che mostrano delle perdite finanziarie importanti hanno una metodologia dubbiosa. Allo stesso tempo, un numero crescente di ricerche sottolineano l'impatto neutro e positivo della condivisione di files sulla creazione, l'accesso alla cultura e l'economia in generale.
  • La ricerca Tera/BASCAP che indica presunte perdite di lavoro a causa della “pirateria”, utilizzata come argomento principale dalla lobby pro-Gallo, è completamente parziale e falsa. Secondo il prestigioso SSRC, la metodologia utilizzata da BASCAP è errata e nega tutti gli aspetti positivi, mentre drammatizza e gonfia i dati. Uno dei co-presidenti della BASCAP è Jean-René Fourtou, presidente del consiglio di supervisione di Vivendi Universal (uno dei lobbisti più forti in favore dei Diritti di Proprietà Intellettuale all'interno dell'Unione Europea).
  • Oggi la difesa della creatività, dell'innovazione, ma anche i diritti e le libertà dei cittadini europei dovrebbero costringere i legislatori a chiudere con il dogmatismo pericoloso introdotto da qualche gruppo industriale.
  • Il Parlamento deve promuovere un approccio alla proprietà intellettuale equilibrato e basato sulle evidenze.


Esempio di telefonata

AVVERTENZA: Questo non è uno script da seguire parola per parola, ma è solo un esempio. Siate spontanei. ;)

  • VOI : "Buongiorno, vorrei parlare alla Signora/al Signore Deputa/o per favore."
  • Assistente : "La Signora/Il Signore Deputa/o non è disponibile. Sono il suo/ la sua assistente, posso esserle utile?
  • VOI : "Mi chiamo Il mio nome, chiamo da Il mio paese, e sono molto preoccupata/o a proposito del rapporto Gallo che è in dibattito ora e sarà votato mercoledì, Vorrei chiedere alla Sua/al Suo Deputata/o di votare per la risoluzione alternativa.”
  • Assistente : "Capisco. Abbiamo già ricevuto altre chiamate a quel proposito. Non ho tempo."
  • VOI : "E' molto importante! Il rapporto Gallo promuove gli interessi dell'industria e nuoce alla società in generale. Le misure proposte non attaccano il reale problema della contraffazione di beni che è pericolosa per i consumatori, mentre potrebbero nuocere allo sviluppo economico che permette Internet.
  • Assistente : "Il rapporto Gallo è un rapporto non legislativo. Non c'è di che preoccuparsi."
  • VOI : "Risponde ad una comunicazione della Commissione ed a un'altra del Consiglio, che si accordano per proseguire sulla strada della repressione cieca e pericolosa, creando una polizia privata del copyright su Internet.”
  • Assistente : "La pirateria su Internet causa delle perdite di posti di lavoro in Europa!”
  • VOI : "Lo studio TERA che è stato utilizzato per dimostrare le perdite d'impiego è completamente sbagliato. Vi spedisco dei documenti che lo provano, e degi studi indipendenti che provano il contrario. La Signora/ il Signore Deputata/o è certamente preoccupata/o per l'economia dell'UE. E' molto importante difendere l'ecosistema innovativo di Internet che crea numerosi posti di lavoro, malgrado alcune industrie che non vogliono adattarsi al nuovo mondo digitale.
  • Assistente : "Il Signore/ la Signora Deputato/a voterà le raccomandazioni di voto del gruppo”
  • VOI: "I diritti fondamentali dei cittadini europei ed il futuro dell'economia europea si determinano qui, spetta al suo deputato/a di scegliere se continuare sulla via dell'innovazione o se si fa marcia indietro per lasciare che altre nazioni sorpassino l'UE.”
  • Assistente : "Il Signore/ la Signora Deputato/a voterà le raccomandazioni di voto del gruppo”.
  • VOI : "Per favore, lei puoi chiedere al Signore/alla Signora deputato/a di sostenere la risoluzione alternativa al posto del rapporto Gallo?”
  • Assistente : "Trasmetterò"
  • VOI : "Grazie mille per avermi asoltato/a. La richiamerò a breve per sapere quale è stata la sua reazione. Buona giornata."

FAQ

Ponete qui le vostre domande che vi si presenteranno quando partecipate (dettagli pratici, argomenti di difficoltà etc...). Cercheremo di rispondervi il più presto possibile.

Resources

Traduzione di debucy1 (TNT Village, la comunità di scambio etico)